Phoenix: la Rinascita di Fiamma Zagara

Fiamma Zagara

Il concetto caro agli antichi greci del destino racchiuso nel nome di una persona, sembra trovare conferma in Fiamma Zagara e nella sua produzione artistica. L’energia ed il calore sono gli elementi che con i colori primari danno forza alle sue opere. In Phoenix, l’installazione creata per la mostra di Bibliothè Contemporary Art, quegli elementi si riassumono in una dimensione solida solo per dare forma alla struttura ma in realtà l’osservatore ne percepisce la fluidità magmatica di grande impatto emotivo. In questa opera trittica di grandi dimensioni, si perpetua un altro mito: quello dell’Araba Fenice, simbolo di rinascita ed energia creatrice. La nuova vita della materia attraverso l’uso della fiamma per modellare e creare visioni prospettiche tridimensionali, genera un’arte che si astrae dai filoni concettuali anche se vi si possono trovare contaminazioni di arte post industriale nella manipolazione di materiali e di new media art attraverso l’uso di tubi flessibili che rimandano alla consumistica democratizzazione dell’informatica, risolvendo così, il dualismo modernista tra autonomia estetica e impegno sociale. L’uso della plastica che da scarto industriale rinasce in una nuova vita, nell’arte di Fiamma Zagara non chiede l’oblio dell’originaria funzione ma ne sollecita il ricordo in un processo di trasformazione che richiama la meccanica classica dove nulla si crea se non una dimensione che eleva ad opera dalle suggestioni forti il generico etimo di arte del tech-ne stimolando la soggettività emotiva dell’osservatore.

– Pasquale Alfieri (Direttore Editoriale Agenzia di Stampa PRIMAPRESS)

Tutto si conduce ad unità – afferma Gallo Mazzeo – `{`…`}` nei modi più imprevisti ed imprevedibili è diventare scoperta di sé, del sé nascosto che in tanto errare e peregrinare non si è mai allontanato da sé stesso, dal proprio sogno, perimetro e area di una grande avventura, in cui ogni nome pronuncia un nome, ogni volto cerca un volto e tutti insieme recitano Unum.
Tags: