Angolo Mediterraneo di Alfred Milot Mirashi

Alfred Milot Mirashi

Angolo Mediterraneo di Alfred Milot Mirashi

LE CHIAVI

– su richiesta di un pittore –

Non so se le chiavi soffrano, ma ci fanno soffrire…

Ci proteggono e ci rinchiudono, ah, ci separano.

Tutte quelle porte, eppure l’amore non ha porte,

                                       che per me è uno spazio infinito.

Anche la libertà non puoi segregarla tra le celle

e dare al Diavolo le chiavi del carcere.

Un mazzo di chiavi del bene, costruite dal nostro male

e le chiavi del male che sprangano il bene…

Ma il vento  che non ha chiavi, mi direbbe mio figlio,

nemmeno le onde, la curiosità, il cane, il cavallo, i desideri,

né la montagna… né le sofferenze umane, direi, né…

forse queste sono solo chiavi 

                                         per scoprire te stesso e il mondo.

Ma quando si inventó la chiave, 

                                prima o dopo la crocifissione di Cristo?

Un mio amico pittore stringe il pennello come chiave dell’arte

e si vendica di tutte le chiavi 

che ci fanno soffrire,

che ci rinchiudono e ci separano… 

                                             le deforma nei suoi disegni

                                   per capire che ci vuole più giustizia,

le stravolge come mostri, per detestarle…

per impaurirci, somigliano ai ferri, ai chiodi della croce…                                                   

chiave vuol dire non fidarti dell’uomo…

la chiave non sa piangere…

Noi nasciamo senza chiavi in mano, ma con 10 diti,

                         tanti quanto sono i 10 Comandamenti.

L’ombra dell’Uomo ha la forma di una grande chiave

      per osare di chiudere le porte delle tenebre, mentre l’alba 

non ha chiavi, scorre come le cascate del futuro.

Che siano chiavi il colore e la parola! – sussurro. 

Chiavi siano le lacrime e le gioie! L’amore

                         è l’unica chiave di luce. Amen!

– Visar Zhiti

Tutto si conduce ad unità – afferma Gallo Mazzeo – `{`…`}` nei modi più imprevisti ed imprevedibili è diventare scoperta di sé, del sé nascosto che in tanto errare e peregrinare non si è mai allontanato da sé stesso, dal proprio sogno, perimetro e area di una grande avventura, in cui ogni nome pronuncia un nome, ogni volto cerca un volto e tutti insieme recitano Unum.
Tags: